TEATRO PER LE SCUOLE

“Il buon insegnamento è per un quarto preparazione e tre quarti teatro”  (Galileo Galilei)

 Theater to educate è la nostra MISSION.

 

Sosteniamo e abbracciamo il

teatro zero negativoMANIFESTO DEL TEATRO NELLA SCUOLA EUROPEA

Il Manifesto rappresenta un termine di riferimento per le diverse culture dei Paesi europei e non.

Comprende diversi PRINCIPI che innalzano l’importanza di un’implementazione dell’arte teatrale nella didattica scolastica in ogni suo grado d’istruzioni

  • Il teatro è cultura, libertà della cultura e cultura della libertà, gioco e fantasia, espressività e immaginazione.
  • Il teatro è armonia di linguaggi, è disciplina, è scoperta di tutte le potenzialità umane.
  • Il teatro si esprime attraverso la voce, il corpo, il gesto, il silenzio, le pause, i suoni, le luci, gli oggetti.
  • Il teatro racconta storie, esprime sentimenti e sensazioni che comunica al pubblico.
  • Il teatro è passione e passionalità ma anche controllo ed equilibrio.
  • Il teatro apre nuove prospettive e punti di vista.
  • Il teatro è gradevole, sgradevole, divertente, può sconvolgere ma anche consolare, fa pensare e solleva lo spirito.
  • Il teatro è arte, grandi autori, opere immortali della cultura del mondo ma è anche drammatizzazione di piccole cose.
  • Il teatro può essere eterno e universale ma anche consumarsi in un’esperienza di brevi momenti.
  • Il teatro educa perché non è dogmatico, non impone regole ma la sua regola è quella di creare vari aspetti di armonia.
  • Il teatro deve entrare nella scuola come cultura, come linguaggio, come possibilità creativa.
  • Il teatro può fare parte dello studio della letteratura, ma va anche studiato in sé per le sue caratteristiche di veicolo di comunicazione.
  • Il teatro nella scuola può essere uno strumento trasversale di collegamento tra le discipline.
  • Il teatro nella scuola deve anche essere educazione dello spettatore consapevole.
  • Comunque venga introdotto nella scuola non bisogna mai dimenticare che il teatro è un piacere ed un gioco.
  • La cultura del teatro non è destinata ad una élite ma deve essere diffusa tra tutti senza escludere nessuno.
  • È necessario formare insegnanti ed operatori teatrali che siano consapevoli del ruolo educativo del teatro in generale e della specificità del teatro nella scuola.
  • In un mondo in cui ha sempre più rilievo la tecnologia, la cultura del teatro è viva e dinamica e la scuola ha il dovere di trasmetterla alle nuove generazioni.

 

Alla luce di tali principi la nostra associazione si pone come supporto alla didattica per le scuole materne, primarie, secondarie e superiori, promuovendo e sviluppando progetti teatrali educativi. L’attività teatrale permette l’esercizio equilibrato tra spontaneità e disciplina: con l’attività teatrale si guida a vivere il proprio apprendimento.

 

teatro zero negativo

 Questi alcuni frutti che porta la drammatizzazione di un testo:

  • Rappresentare situazioni.
  • “Vivere” i sentimenti dei personaggi.
  • Compiere gesti.
  • Fare dei movimenti e parlare.
  • Capire e tradurre un messaggio che forse in altro modo non avremmo capito.
  • Valorizzare quelle potenzialità dei nostri discenti, che spesso trascuriamo perché non vengono fuori nel normale svolgimento delle lezioni frontali.
  • Recuperare quegli alunni che non trovano le motivazioni per partecipare alle quotidiane attività. (Prof. Giovanni Liccardi)

 

 

L’insegnamento linguistico per mezzo del teatro provoca reazioni fisiche, emotive, cognitive, attiva la memoria consentendo il recupero di parole e espressioni difficili e il ricordo della propria storia e cultura, facilita e sviluppa la capacità di narrare eventi, esperienze, aiuta gli apprendenti a costruire relazioni significative con gli altri.

Il teatro inoltre aiuta l’azione didattica a dirigersi verso l’educazione personalizzata, la quale secondo il pedagogista Garcìa Hoz  risponde all'esigenza educativa di stimolare il soggetto affinché vada perfezionando la capacità di governare se stesso e la propria vita e, di conseguenza, di attuare la propria libertà personale, partecipando con le sue caratteristiche peculiari alla vita comunitaria.

“La creatività è una condizione indispensabile dell’esistenza, e tutto ciò che travalica i limiti della routine, tutto ciò che ha in sé foss’anche uno iota di nuovo, deve la sua origine al processo della creatività umana”  (L. S. Vygotskij)

CONTATTACI PER UN PROGETTO!

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!
Please wait

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
© 2016 Zero Negativo. Tutti i diritti riservati - All Rights Reserved. Designed By PM & JoomShaper